Kamele aus Mitteleuropa

Kamele aus Mitteleuropa

LOCANDINA LILLO BARTOLONIStudio7 Arte Contemporanea (via Pennina 19, Rieti) inaugura sabato 18 ottobre 2014, dalle ore 17, la mostra antologica di Lillo BartoloniKamele aus Mitteleuropa – a cura di Barbara Pavan, testo critico di Tania Belli.

La mostra riassume attraverso una selezione di lavori di diversi periodi, il percorso artistico di Bartoloni, sul filo di due dei temi cari all’autore, i cammelli e la letteratura mitteleuropea, che da molti anni popolano e ispirano, ora rincorrendosi ora convivendo, le sue opere.

 ‘Bartoloni, ovvero: l’iperbole dell’onirico – scrive Tania Belli nell’introduzione alla mostra – un senso onirico che ha il gusto verace e sapido dell’infanzia; di quell’epoca dell’esistere che è figlia, pura e visionaria, della fantasia; della schietta e trasparente immaginazione di un bimbo alle prese con la rappresentazione della realtà, di cui vuole sopraffare, vincere e spezzare il dolore; quel sapore amaro ed acido della routine quotidiana e del presente, che Bartoloni prova a far evaporare, sollevandosi sulle ali della creatività; una creatività artistica beffarda e disincantata, che si protende per toccare la felicità con il pennello della leggerezza, plasmando figure che, malgrado la pesantezza dei materiali con cui a volte sono realizzate, appaiono come sagome esili e lievi; apparizioni evanescenti, quasi volatili, che camminano in punta di piedi sul mondo. Un mondo che Bartoloni, dalla sua peculiare prospettiva di una cultura sensibile ed attenta (attenta finanche al minimo dettaglio, da cui è attratto inesorabilmente), e di una maturità artistica solida e seria (indiscutibilmente attratta dalla tradizione yiddish), cerca di raccontare, facendocene appassionare; come, del resto, lui stesso ne è innamorato (benché velandosi di ironica malinconia), quale curioso ed insaziabile viaggiatore dello spazio e dei sentimenti. Insomma, Bartoloni, artista sperimentatore e poliedrico, uomo capace ancora di meravigliarsi, oltre il tempo e l’età, aspira a trasmettere e rivelare l’esperienza del vivere, con la quale prova una indubbia e viscerale empatia, in espressione artistica; il tutto, intingendo il pennello in una tavolozza raramente monocroma e, comunque, mai banale o silente; poiché le sue opere, intrise di una stravaganza svagata e coraggiosa, possono parlare, spesso anche urlare, e, di certo, sempre riescono a comunicare brividi, sulla cui scia cerca di trascendere il disagio che, inevitabilmente, instilla in noi l’esistenza. Ragioni per le quali, oggi si può ben dire che lo stile di Bartoloni, in tutte le sue variegate lingue espressive, sia unico e chiaramente distinguibile. Come ben distinti vi sono tratteggiati i vissuti e le emozioni’.

Lillo Bartoloni è stato allievo di Cesare Vivaldi, storico direttore dell’Accademia di Belle Arti di Roma, che inquadrava il primo periodo del suo lavoro nel panorama dell’art brut, l’arte di folli, per inserire successivamente Bartoloni nella corrente del pop espressionismo. Bartoloni ha all’attivo numerose mostre in Italia ed all’estero in ambito pubblico e privato. Tra queste segnaliamo le esposizioni del Lubrina Atelier di Parigi, della Bronfman Gallery di Washington e della QV Gallery di Newport, della Galleria L’hebraica di San Paolo in Brasile, del Museo Jaghellonco a Cracovia e della Galleria Prosna Street a Varsavia. In Italia, tra gli altri, le sue opere sono state esposte a Roma (Ex Mattatoio e Palazzo Braschi). A febbraio la mostra dal titolo ‘Cammelli’ sarà ospitata in Libano presso il Beirut Art Center.

dal 18 ottobre fino al 14 novembre 2014 presso Studio7 Arte Contemporanea – Via Pennina 19 Rieti

Info mostra e orari: tel.320.4571689; e-mail studio7artecont@gmail.com – Pagina FB Studio7 Arte Contemporanea

Ingresso libero